Obbligo Ape, sanzioni per gli inadempienti

" Obbligo Ape: il DL 63/2013 e le sanzioni previste per chi non si mette in regola con l'Attestato di Prestazione Energetica. "

Data: 24/4/17 | Vista: 1479

Obbligo Ape, sanzioni per gli inadempienti

Obbligo Ape: previste sanzioni amministrative per gli inadempienti

L'Ape (Attestato di Prestazione Energetica) è stato introdotto in Italia dal DL 63/2013 in sostituzione delle precedenti certificazioni legate all'individuazione della classe energetica degli edifici e delle unità immobiliari.

In alcune situazioni questa importante certificazione è diventata obbligatoria tanto che sono previste multe fino a 18.000 € per coloro che non lo eseguono.

L'installazione delle caldaie a condensazione aiuta a ridurre l'impatto energetico delle abitazioni. Se ne desideri una, scopri le nostre offerte speciali oppure contattaci!

Obbligo dell'Ape: i casi in cui deve essere richiesta la certificazione

L'obbligo dell'Ape sussiste essenzialmente al momento della costruzione, della vendita o della locazione di un edificio o di una unità immobiliare con superficie superiore ai 500 mq. A partire dal 2015 la quadratura diminuirà della metà pertanto sarà obbligatorio per gli immobili costruiti, venduti o dati in affitto e dotati di una superficie pari o superiore a 250 mq.

Al momento della costruzione di un nuovo edificio o nel caso di grandi ristrutturazioni l'Ape deve essere richiesto prima ancora del certificato di agibilità dell'immobile e soltanto in questo caso è a carico del costruttore.

Nel caso in cui l'immobile in oggetto sia venduto o locato, invece, l'onere dell'Ape spetta al proprietario. L'obbligatorietà e l'importanza di questa certificazione traspare anche dall'inserimento nei nuovi contratti di vendita e locazione di apposite clausole che ne prevedono la presenza.

Validità dell'Ape e sanzioni amministrative

L'Ape ha una validità di 10 anni ma deve essere rinnovato ogni qual volta che si interviene con opere di ristrutturazione o riqualificazione dell'edificio o dell'unità immobiliare interessata che determinino il miglioramento della classe energetica.

L'installazione di caldaie a condensazione, per esempio, può rientrare in questa tipologia di interventi pertanto nel caso di vendita o locazione dell'immobile conviene valutarne l'acquisto prima della stipula del contratto così da evitare di richiederlo 2 volte.

In caso di mancata osservanza dell'obbligo di certificazione energetica degli immobili sono previste delle sanzioni:

  • per le nuove costruzioni e la vendita degli edifici sono previste multe dai 3.000 ai 18.000 €;

  • per i contratti di locazione delle singole unità abitative sono previste multe dai 1.000 ai 4.000 € che si riducono della metà nel caso in cui il contratto abbia durata inferiore a 3 anni.


Desideri maggiori informazioni sull'installazione delle caldaie a condensazione ai fini dell'Ape? Contattaci!


Richiedi Informazioni

"Obbligo Ape, sanzioni per gli inadempienti "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su