Mettersi in regola con il riscaldamento, ecco da dove iniziare

" Da dove bisogna partire per mettersi in regola con il riscaldamento domestico? Tutte le informazioni riguardanti l’installazione, la manutenzione periodica e le normative sul controllo dei fumi di scarico. "

Data: 27/12/17 | Vista: 284

Mettersi in regola con il riscaldamento, ecco da dove iniziare

Mettersi in regola con il riscaldamento: non è mai troppo tardi!

Non è mai troppo tardi se si ha un impianto di riscaldamento non in regola: scegliere di mettersi in regola con il riscaldamento domestico è sempre la scelta migliore. In questo modo si può avere la certezza di avere un impianto di riscaldamento che sia prima di tutto sicuro da utilizzare e poi che permetta di evitare sanzioni e multe legate alla manutenzione periodica e al controllo dei fumi di scarico.

Continua a leggere per scoprire tutti i dettagli e se hai bisogno dell’installazione di una caldaia o della manutenzione periodica non esitare: contattaci adesso! Siamo tecnici abilitati e pronti a risponderti in pochissimo tempo!

Il primo passo per mettersi in regola: l’installazione ad hoc delle caldaie

L’installazione della caldaia è il primo e importantissimo momento legato all’ottenimento di un impianto di riscaldamento che non sia soltanto funzionante al meglio ma che sia anche sicuro e a norma di legge. La normativa vigente afferma che l’installazione delle caldaie deve essere eseguita soltanto da personale qualificato e abilitato per svolgere questo tipo di mansioni.

Un tecnico abilitato, infatti, è in grado di installare la caldaia a regola d’arte mettendo in relazione le sue caratteristiche tecniche con gli spazi presenti all’interno o all’esterno delle abitazioni. Avere una caldaia installata da un professionista ti permette anche di utilizzarla al massimo delle sue prestazioni, soprattutto se si tratta di una caldaia a condensazione. Noi della PowerGas mettiamo a disposizione offerte speciali per chi ha bisogno di una caldaia e prenota direttamente anche il servizio di installazione professionale: scoprile subito e non lasciartele scappare!

Mettersi in regola con i controlli sulle caldaie

Un altro punto dolente è quello che riguarda i controlli alle caldaie. La normativa vigente in questo caso è doppia perché prende in considerazione il controllo sui fumi di scarico e la manutenzione periodica degli impianti di riscaldamento. Entrambi sono obbligatori per chi possiede degli impianti di riscaldamento ma prevedono dei tempi e delle scadenze diverse. Tuttavia è anche vero che spesso molti centri di assistenza mettono a disposizione dei programmi di manutenzione periodica che li prevedono entrambi.

Che differenza c’è tra controllo dei fumi e manutenzione periodica?

Il controllo dei fumi di scarico rientra nella normativa riguardante la verifica periodica dell’efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Sono regolati sia da una direttiva comunitaria (2010/31/UE) sia da una legge nazionale (Dlgs 192/2005 attuato dal Dpr 74/2013).

Secondo tale normativa è necessario far eseguire da tecnici abilitati il controllo dell’efficienza energetica del proprio impianto (di potenza uguale o inferiore ai 100 kW) ogni 2 anni se esso è alimentato con combustibile solido o liquido oppure ogni 4 anni se è alimentato a gas.

La manutenzione periodica degli impianti di riscaldamento, invece, non è legata all’efficienza energetica dell’impianto ma principalmente alla sua sicurezza d’uso. Proprio per questa sua caratteristica la normativa nazionale non indica delle scadenze precise ma rimanda alle indicazioni presenti nel libretto dell’installatore dell’impianto, in quello del fabbricante o in ultimo alle normative nazionali e comunitarie.

Mettersi in regola con il riscaldamento quindi, non è complesso e non è mai troppo tardi per farlo. Purtroppo chi non è in regola rischia sanzioni e multe ingenti: pertanto se il tuo impianto non è a norma, non esitare! Contattaci subito: ti risponderemo in pochissimo tempo!

Richiedi Informazioni

"Mettersi in regola con il riscaldamento, ecco da dove iniziare "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su